Trattamento di cistite interstiziale cronica e disturbi vaginali nel post manopausa

Trattamento di cistite interstiziale cronica e disturbi vaginali nel post manopausa

Testimonianza di Céline Dalla Lana, Francia

 

 

Caso clinico

Da quando possiedo una INDIBA activ, tratto regolarmente pazienti con disturbi legati alla menopausa.

La signora C., 56 anni, in menopausa da 6 anni, afferisce in ambulatorio per cistiti ricorrenti. Inizialmente, per diverse volte, la signora C. è stata curata con Monuril®, antibiotico indicato per la terapia delle cistiti e successivamente si è sottoposta al test ECBU, esame citobatteriologico delle urine. Poichè gli esami e i test ripetuti per diversi mesi hanno sempre dato esito negativo, il medico ha concluso che si trattava di una cistite cronica non infettiva probabilmente causata da una atrofia menopausale. La paziente soffriva anche di bruciore vaginale quasi permanente che influenzava anche la sua vita sessuale.

 

Anamnesi

Dopo la valutazione, l’anamnesi e l’esame clinico si conferma l’ipotesi di cistite interstiziale legata ad una insufficienza ormonale. La paziente descriveva la sua condizione come “estenuante, dolorosa, esasperante e deprimente”. La scala VAS andava da 4/10 a riposo, fino a 7/10 durante le crisi.

 

Trattamento con Active Cell Therapy

Ho iniziato il trattamento in subtermia (biostimolazione cellulare) nelle prime 2 sedute. Nelle sedute successive sono passata a una leggera termia (IAS 4-5) lavorando nella regione addominale, perineale e sacrale. Sin dalla prima seduta la paziente ha notato un chiaro miglioramento dell’idratazione vaginale con scomparsa dei sintomi delle cistiti. In sole 5 sedute i disturbi sono completamente scomparsi.

Abbiamo comunque continuato le sedute per vari mesi: inizialmente una seduta ogni 2 settimane, poi ogni 3 settimane… per garantire un benessere quotidiano soddsfacente. La paziente è tornata ad avere una vita sessuale soddisfacente e non ha più sofferto di cistiti  dall’inizio dei trattamenti (18 mesi fa).

 

Attualmente ricevo la signora C. in ambulatorio ogni 6 settimane, perchè a distanza di 6, 7 settimane ricompare un leggero bruciore vaginale se non viene trattata con la terapia cellulare attiva di INDIBA activ. La paziente riferisce che trova il trattamento gradevole, perchè le ha permesso di ritornare ad una vita normale, senza essere più paralizzata da dolore e fastidi.

Give a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.